1
3 mesi agoPubbliche0

Sarebbe opportuno far fare un giro in discarica ad un bel po’ di persone. Si renderebbero conto che il rifiuto più costante è il pannolino.
Ogni bambino può usare in circa 3 anni da 4.500 a 6.500 pannolini usa e getta.
Ogni pannolino è composto da materiali plastici di vario tipo, nonché sostanze potenzialmente tossiche e cancerogene anche solo per l’utilizzo (figurarsi a smaltirli). Detto questo. Ad un bambino bastano dai 18 ai 30 pannolini lavabili per fare tutto il suo ciclo.
Grandissimo risparmio, sostenibilità, zero waste, educazione infantile alla sostenibilità ambientale. Cambia solo modo di prganizzarsi la quotidianità, per il resto è tutto uguale.
a questo punto penso sia doveroso obbligare per legge tutte le strutture di neonatologia, ostetricia, consultori familiari, asili nido ad utilizzare solo pannolini lavabili.
Questi pannolini vengono comodamente lavati in lavatrice, con detersivi biodegradabili per 1/3 della dose raccomandata da etichetta, non si usano ammorbidenti o sbiancanti ottici vari (sostituiti eventualmente da percarbonato e acido citrico), senza aumentare la bolletta dell’elettricita.
Inoltre si possono coinvolgere anche tutte le strutture geriatriche, in quanto esistono anche per adulti.
Per finire, per incentivarne l’uso anche nelle famiglie, si possono dare incentivi di vario genere (da un rimborso anche parziale della spesa di acquisto ad uno sconto sulla tassa dei rifiuti fintanto che si utilizzano).
Solo questo dimezzerebbe i rifiuti di ogni famiglia e ridurrebbe di moltissimo l’impatto per produzione (solo di acqua ne usano 80 litri per produrne 1) e per smaltimento.
Grazie